Anche la scelta dei guanti da golf, o meglio del guanto da golf, perché se ne usa solo uno, è importante per l’attrezzatura del golfista.

A cosa serve? A proteggere le mani dagli agenti atmosferici come freddo e acqua, certo, ma ancora di più ad evitare i calli e, fondamentale, a migliorare il grip.

Come sceglierlo? Prima di tutto bisogna considerare che deve essere acquistato quello per la mano non dominante, cioè destro per i mancini e viceversa sinistro per i destrorsi.

Altra variabile fondamentale è la taglia, il guanto deve aderire perfettamente alla mano, ma consentire di flettere agevolmente le dita.

I materiali sono generalmente due. Si può optare per guanti da golf in pelle (i più famosi sono i guanti da golf in pelle cabretta, che al posto della lana sono composti di peli, forti e soffici al tempo stesso, ma inadatti alla pioggia) oppure per guanti da golf sintetici, più robusti. Se si è alle prime armi meglio questi ultimi perché probabilmente si tenderà a stringere troppo l’impugnatura, almeno non si consumeranno in breve tempo.

Ultima variabile da considerare per il gioco è il meteo, infatti esistono guanti da golf adatti al clima più rigido, che farebbero sudare la mano nella bella stagione, guanti da golf per la pioggia, fatti in modo da mantenere la mano asciutta (con tutti i benefici che ne derivano), oppure, infine, guanti per tutte le stagioni, detti appunto all-weather.

Ce ne sono di tutti i prezzi. Il colore, di solito bianco o nero o al massimo rosa per le lady, influenza solo il gusto estetico o l’eventuale abbinamento con la mise 😉

Buona scelta del guanto a tutti!