Il chip, o colpo a correre, va effettuato quando ci si trova al bordo del green e si vuole far volare la palla per un breve tratto per poi farla per lo più rotolare, possibilmente dritta in buca.

Si rende necessario ad esempio quando ci si trova fuori in condizioni di fairway troppo alto, terreno sconnesso o porzione di avantgreen troppo estesa.

Come eseguire al meglio questo colpo?

Bisogna impugnare il bastone con un grip basso, tenere i piedi vicini (di cui il sinistro leggermente più arretrato) e avere il 70% del peso del corpo sul piede sinistro; la pallina va posizionata all’interno del piede destro, le ginocchia devono essere leggermente flesse, lo sterno a sinistra della palla e il bastone in linea col braccio sinistro.

Già, ma che bastone utilizzare? Anche se esiste un ferro apposito per questo colpo, chiamato appunto chip, di solito basta adoperare un ferro medio-corto (dal 9 al 7), a seconda della distanza che si vuole far compiere alla pallina. In ogni caso va considerato che maggiore sarà il loft, maggiore sarà di conseguenza il volo rispetto al rotolo (e minore la distanza percorsa dalla pallina).

L’angolo d’attacco deve essere leggermente discendente; durante l’esecuzione del colpo è fondamentale mantenere polsi e mani nella stessa posizione durante tutto il movimento, così come avere le gambe ferme; la pallina va colpita dall’alto verso il basso.

Inutile dire che il movimento del chip viene sempre più naturale all’aumentare della pratica. L’allenamento è quindi alla base del successo!